Votami

web

In classifica

Thursday, June 12, 2008

LIBRI - IO SONO UN GATTO di NATSUME SOSEKI


E dopo un certo periodo di latitanza ieri sera ho ricominciato a leggere un libro di un autore giapponese: Natsume Soseki, brillante e originalissimo scrittore che già conoscevo per aver già letto "Il guanciale d'erba", poi alcuni amici (qualcuno anche su questo blog) mi avevano consigliato proprio la lettura di "Io sono un gatto" e cosi' vi ho dato ascolto !

Gia' dalle prime pagine riscopro la scrittura fresca, scorrevole mai banale di Soseki, la storia poi decisamente curiosa ci spiega il mondo giapponese dagli occhi di un attentissimo felino...

Vi lascio un commento/trama che ho trovato sul sito delle Edizioni Neri Pozza, che è proprio l' edizione del libro che ho per le mani:


Il Novecento è appena iniziato in Giappone, e l’era Meiji sembra avere perfettamente realizzato il suo compito: restituire onore e grandezza al paese facendone una nazione moderna. Il potere feudale dei daimyo è, infatti, un pallido ricordo del passato, così come i giorni della rivolta dei samurai a Satsuma, il tragico canto del cigno degli antichi guerrieri. In questi primi anni del nuovo secolo, l’esercito nipponico contende vittoriosamente alla Russia il dominio nel Continente asiatico.
Per il Nero del vetturino, il gatto grasso che spadroneggia nel cortile del condominio in cui si svolge questo romanzo, i frutti dell’epoca moderna non sono per niente malvagi. Il Nero del vetturino ha, infatti, un pelo lucido e un’aria spavalda e robusta impensabili fino a qualche tempo fa per un felino di così umile condizione.
Per il gatto protagonista di queste pagine, però, le cose non stanno per niente così. Un’oscura follia, anzi, aleggia nell’aria, nel Giappone all’alba del XX secolo.
Il nostro eroe non vive, infatti, a casa di un vetturino ma di un professore che si atteggia a grande studioso e che, a detta di tutti, lo è davvero. Quando torna a casa, il professore si chiude nello studio fino a sera e ne esce raramente. Di tanto in tanto il gatto, a passi felpati, va a sbirciare e puntualmente lo vede dormire: il colorito giallognolo, la pelle spenta, una bava che gli cola sul libro che tiene davanti a sé.
Certo, il luminare a volte non dorme, e allora si cimenta in bizzarre imprese. Compone haiku, scrive prosa inglese infarcita di errori, si esercita maldestramente nel tiro con l’arco, recita canti nō nel gabinetto, tanto che i vicini lo hanno soprannominato il «maestro delle latrine», accoglie esteti con gli occhiali cerchiati d’oro che si dilettano a farsi gioco di tutto e di tutti raccontando ogni genere di panzane, spettegola della vita dissoluta di libertini e debosciati… Insomma, mostra a quale grado di insensatezza può giungere il genere umano in epoca moderna…
Pubblicato per la prima volta nel 1905, Io sono un gatto non è soltanto un romanzo raro, che ha per protagonista un gatto, filosofo e scettico, che osserva distaccato un radicale mutamento epocale. È anche uno dei grandi libri della letteratura mondiale, la prima opera che, come ha scritto Claude Bonnefoy, inaugura il grande romanzo giapponese all’occidentale. Mai tradotto in italiano prima d’ora, il romanzo appare nella stessa collana in cui sono stati pubblicati gli altri due capolavori di Sōseki, Guanciale d’erba e Il cuore delle cose.

6 comments:

Claudio said...

Buon giorno...bellissimo il tuo blog...in capitolo volevo essere aiutato in una scelta di titoli di libri dove poter ricavare ancora conoscenza sul mondo delle arti marziali!!!Grazie!!passa da me quando vuoi!!! graziesottoilciliegio.blogspot.com

TURAMBAR said...

bello il blog, ke ne diresti di un scambio di link con me, sono turambar, il mio blog è warbegin.blogspot.com, ke ne dici?
il 20 fa un anno, non mancare!
la mia s'occupa di guerra, commenta pure, ti aspetto!

samurai73 said...

Grazie per i commenti ad entrambi, appena ho un po' di tempo vi passo a leggere e ci scambiamo i link :)

Luca said...

:-))

bunny said...

Io ce l'ho in libreria, ma ancora devo cominciare a leggerlo...

B.

Love and Books said...

Ma lo hai finito? Spero di sì ma anche di no... la fine è terribile per chi ama i gatti, per chi ha un gatto nero in casa poi! Bello il tuo blog