Votami

web

In classifica

Wednesday, February 17, 2010

LA SPADA E IL PENNELLO



So che il blog è principalmente improntato sul Giappone ma alle volte non si può parlare di Giappone senza citare qualcosa della cultura cinese, oggi vorrei condividere con voi un articolo che ho trovato sulla rivista Enertao del Dicembre 2009.
Penso verrà apprezzato da tutti i numerosi praticanti di Taiji.

Antica poesia del poeta Li Bai (701-762)
sui principi del taiji

il corpo è come una montagna.
i muscoli e la pelle sono come una cascata altissima.
l'intenzione è come il sole che fa evaporare l'acqua.
il vapore è energia che forma l'arcobaleno.
l'energia riempie l'universo,
tu sei l'universo.


Prima di praticare il taiji si è rigidi e bloccati, man mano che ci si allena e ci si rilassa il corpo si scioglie come una cascata e scende a terra.
La nostra intenzione è come il sole che fa evaporare l'acqua che risale e riempie l'universo.
In questo modo con l'esercizio del Taiji Quan ci si rilassa e la nostra energia si espande nell' universo.

2 comments:

almacattleya said...

L'uomo e l'universo, due entità, due grandezze diverse eppure collegate tra di loro.
Ho sempre pensato che l'uomo dentro di sé custodisse un universo con le sue lune, i suoi pianeti, le sue galassie, il suo sole e che ognuno di noi può scatenare in sé un Big Bang.
Il nostro corpo custodisce un sapere antico e il filo di questo sapere è collegato ad altri fili simili.
Pensandola in questi termini, non viene da pensare che noi esseri umani siamo delle creature straordinarie e non degli inutili pezzi di carne che ansimano e che camminano?

E_Bone said...

Come hai detto bene, è difficile parlare del giappone senza parlare della cina.Io pratico taiji e shodo e ho trovato parecchie analogie tra queste sue arti.
Complimenti per il Blog davvero bello ed interessante!
E_B