Votami

web

In classifica

Monday, September 11, 2006

TEKAGI


Ieri sera ho rivisto uno dei miei DVD della serie "Lone Wolf & Cub", la storia del samurai errante che cerca vendetta con suo figlio e che deve difendersi da una fitta schiera di nemici.

In questo episodio Ogami Itto deve battersi contro dei temibili ninja armati di TEKAGI, gli artigli di Tigre e allora ho fatto qualche ricerca su questa arma largamente usata dai guerrieri-ombra.

I Tekagi o Shuko (手鉤) sono oggetti che fanno parte del vasto repertorio di armi utilizzate dagli Shinobi o Ninja, originariamente erano formati da spine o aculei fissati su pezzi di legno e utilizzati nella quotidianità per camminare su neve o ghiaccio, in seguito vennero usati anche sulle mani come aiuto per scalare pareti o arrampicarsi sugli alberi. Progressivamente divennero proprio una arma da combattimento (molto efficace anche perchè con gli artigli si poteva bloccare la lama di una katana), inoltre l'uccisione poteva essere facilmente scambiata come morte accidentale causata da una zampata di orso o tigre.

Altro uso dei tekagi era quello di lasciare dei messaggi sulla pietra o nel legno con un codice segreto che poteva indicare ad esempio un passaggio sicuro oppure sorvegliato o via dicendo.

Come tutte le armi dell'arsenare ninja potevano anche essere immersi nel veleno per aumentarne la distruttività...

Personalmente ritengo che un'arma del genere dovesse essere utilizzata da persone dotate di forza fisica (mi sembrano pesantini...) e della capacità di entrare nella guardia avversaria eludendone i suoi colpi, un po' come il concetto base delle armi corte che sono più letali di quelle lunghe ma richiedono maggiore coraggio e determinazione proprio perchè usano una distanza ravvicinata.

2 comments:

ale said...

interessante...usati per il ghiaccio e per saclare alberi...ingegnosi i cinesi

samurai73 said...

Molte armi utilizzate dai guerrieri giapponesi (ma credo anche cinesi) erano di derivazione dagli strumenti di uso quotidiano...per la serie il bisogno aguzza l'ingegno ! eheheh