Votami

web

In classifica

Friday, October 20, 2006

RAKU


Alcuni anni fa osservai delle bellissime ceramiche Raku prodotte in Italia secondo questa antichissima tecnica giapponese, ad una mostra mercato acquistai alcuni pezzi : due ciotole e un porta zucchero di tonalità azzurra e una pipa con un volto in veramica interamente di colore nero. Purtroppo una delle due ciotole settima scorsa ha deciso di suicidarsi lanciandosi dal ripiano in cui soggiornava da tempo...tempestivamente è stata soccorsa ma come spesso accade ora porta i segni della sua sofferenza e del suo vissuto...

L'ideogramma "Raku" tradotto liberamente significa "godimento, gioia, soddisfazione, liberazione", ma la sua vera origine è legata a "Jurakudai", il nome dello stile architettonico tipico dell'epoca Momoyama, il periodo in cui Chojiro e Sen Rickyu diedero origine alla ceramica Raku.

La ceramica Raku nasce infatti per mano di Chojiro, ceramista giapponese vissuto nell'epoca Momoyama (XVI sec.), ed è da sempre legata alla produzione di ciotole per la cerimonia del tè (cha-no-yu). E' infatti per Sen Rickyu, maestro dello cha-no-yu, che Chojiro iniziò ad utilizzare la tecnica che poi verrà chiamata "Raku". Da allora in poi Raku è diventato anche il cognome della famiglia di ceramisti discendenti di Chojiro che da 15 generazioni porta avanti la tradizione del Raku in Giappone.

Nel Raku Giapponese il biscotto viene sottoposto ad una seconda cottura che serve a vetrificare il rivestimento. Il pezzo, una volta raggiunta la temperatura di fusione dello smalto, viene estratto dal forno e lasciato raffreddare rapidamente all'aria aperta.Nella tecnica tradizionale nulla è lasciato al caso, l'artista segue una precisa sequenza di operazioni che acquistano un carattere quasi rituale. la ciotola è sempre eseguita a mano, senza l'ausilio di particolari strumenti: in questo modo le mani possono esprimersi liberamente trasmettendo all'argilla la sensibilità dell'artista.

[[ info tratte da http://www.ceramicaraku.com/ ]]

3 comments:

Anonymous said...

Anch'io ho avuto modo di apprezzare la tecnica raku da parte di un artista che ha portato questa tecnica su forme sculturee particolari.
Ecco il sito: www.boarettoraku.supereva.it

samurai73 said...

Grazie, appena ho un attimo corro a vedere il sito che mi segnali !

almacattleya said...

Io le ho visto le ceramiche raku. Hanno delle sfumature incredibili. Questo è il sito della ceramista:
http://www.elenaboschi.com/home.html