Votami

web

In classifica

Wednesday, March 29, 2006

SHINAI


La shinai è la spada di bamboo che viene utilizzata nel kendo.

Esistono numerosi tipi di shinai:

- di differente qualità: i coreani sono notevolmente più economici ma anche molto più facili a rompersi, i giapponesi più cari ma notevolmente più bilanciati e resistenti agli urti.

- di differente misura: la misura standard è la 39 ma per le donne è consigliato l'utilizzo della 38 (leggermente più corta ma più leggera) esistono anche altre misure inferiori per i ragazzi e i bambini, e poi anche degli shinai più corti e "tozzi" per la pratica del Nitto (kendo con 2 spade) che rimane comunque una pratica poco diffusa in Italia.

- di differente materiale: il materiale più comune è il legno di bamboo utilizzato per la sua capicità di flettersi senza rompersi, ma dato che si tratta pur sempre di legno necessita una certa manutenzione ,non va tenuto in luoghi troppo secchi e almeno una volta l'anno se non si vive in una zona umida le stecche vanno smontate e lasciate a bagno per riassorbire umidità, in alternativa è possibile ungere dall'interno le stecche con delle creme idratanti. Importantissimo verificare che a causa dell'usura, non si formino delle pericolose schegge o crepe (gli incidenti più gravi a kendo sono proprio causati da un distaccamento delle schegge che potrebbero raggiungere il viso della persona di fronte passando tra le grate del "MEN") . Per ovviare a tutta questa manutenzione la ditta Hasegawa ha iniziato a produrre degli shinai in fibra di carbonio. Personalmente li ho comunque detestati per due ragioni : il carbonio è comunque meno flessibile del bamboo ed è più doloroso essere colpiti da uno shinai di carbonio (ovviamente è un mio parere) e poi trovo che esteticamente siano molto meno belli...infine un altro punto a svantaggio è il costo notevole.


La manutenzione della shinai non è solo relativa alle stecche ma deve essere prestata grande attenzione anche ai lacci di pelle che le tengono unite, e a tutte le altri parti che devono per un motivo di sicurezza essere sempre controllate prima di ogni lezione. La funzione dei lacci è principalmente quella di tenere assieme le stecche ma bisogna che i nodi che le chiudono non siano legati troppo stretti perchè trasformerebbero la shinai in un bastone con conseguenze poco piacevoli per i compagni con i quali praticate, al contrario le stecche devono potersi "flettere" liberamente per assorbire i colpi.

Un ultima curiosità la tsuba (elsa) e la tsuba-dome (sotto elsa) possono essere in materiale differenti, nelle shinai più economiche sono in plastica e gomma, in quelle shinai più pregiate si trovano anche tsuba di cuoio molto più spesse e resistenti.

4 comments:

Kuka said...

Che bello capitare sul tuo sito e leggere proprio qualcosa sul kendo!
Io ho appena iniziato la pratica a Milano. Ho sentito dell'esistenza di shinai in carbonio, ma credo anch'io che siano molto meno "poetici" di quelli in bamboo.

Provo a chiederti anche un consiglio: sai dove posso trovare una sequenza per rifare i nodi?

samurai73 said...

Esatto hai proprio detto la parola giusta : sono meno poetici ! Poi prendersi cura della proprio attrezzatura credo faccia in qualche modo parte della pratica.

Riguardo il sito dei nodi, ci dovrebbe essere qualcosa sul sito di Kendo del Pessano con Bornago.

Fai un copia incolla:
http://www.kcpcb.it/modules.php?name=News&file=article&sid=23

Oppure dovresti trovare documentazione sul sito ufficiale della CIK (Confederazione Italiana Kendo).

kuka said...

Grazie mille .-)

Anonymous said...

Il sito che hai postato è quello del mio club di kendo!! quello di pessano con bornago ^^

by the way, faccio kendo anche io, anche se ultimamente ho iniziato a fare nitto ^^